Integratori blocca grassi e carboidrati: come usarli per dimagrire

Sono definiti il “Santo Graal” degli integratori dimagranti in quanto promettono di impedire di ingrassare pur continuando a mangiare tutto quello che vuoi. Gli integratori blocca grassi e carboidrati sono una sottocategoria di integratori bruciagrassi che mirano a prevenire l’assorbimento delle calorie e sono stati a lungo studiati. Da questi studi si è potuto evincere che non sempre bloccano solo le calorie, ma a volte bloccano anche i nutrienti. Vale dunque la pena prenderli in considerazione? I vantaggi di assorbire meno calorie superano i pericoli di assorbire meno nutrienti? Alcuni sono meglio di altri? Affrontiamo proprio questo importante argomento nelle prossime righe.

Gli integratori blocca grassi e carboidrati sono un gruppo di integratori e componenti alimentari che, in parole semplici, bloccano l’assorbimento di carboidrati e grassi e impediscono che vengano assorbiti dall’organismo. Tecnicamente esistono anche i blocca proteine ma, a causa dell’importanza delle proteine nella dieta, non vengono commercializzati come integratori. Gli integratori blocca grassi e carboidrati sono sempre esistiti in quanto sono naturalmente contenuti in vari alimenti che consumiamo normalmente nella nostra dieta. 

Se non possiamo assorbire qualcosa dall’intestino, non possiamo neanche immagazzinarlo nei nostri tessuti e semplicemente lo espelliamo come materiale di rifiuto. Ci sono diversi modi per mitigare questi bloccanti o distruggerli, rilasciando le preziose sostanze nutritive per il nostro corpo, ma ci possono anche essere momenti in cui preferiamo invece che tale blocco si verifichi. 

Come funzionano gli integratori blocca carboidrati e grassi?

Qualsiasi tipo di blocco dei carboidrati o dei grassi nell’intestino funziona in uno di questi due modi:

·        Ci sarà un enzima che è vitale nella digestione di un macronutriente: il bloccante lo prenderà di mira e gli impedirà di fare il suo lavoro, ovvero di scomporre il macronutriente, in modo tale che non sia assimilabile dal corpo. Questa prende il nome di inibizione indiretta o inibizione enzimatica (dato che di solito si prendono di mira gli enzimi).

·        Nel secondo caso il bloccante stesso cercherà e si legherà alla molecola di carboidrati o di grasso. Quando il bloccante e il bersaglio (ovvero la molecola di grasso o carboidrato) sono collegati, il bersaglio non potrà più essere assorbito. Questa prende invece il nome di inibizione diretta

La maggior parte dei bloccanti di carboidrati e grassi funzionano inibendo gli enzimi responsabili dell’assimilazione dei macronutrienti, poiché sia i carboidrati che i grassi si basano su diversi enzimi per essere digeriti correttamente. Gli enzimi fanno parte della categoria di proteine speciali che aiutano a metabolizzare i nutrienti e sono fondamentali proprio perché i macronutrienti sono troppo grandi per essere assorbiti così come sono e hanno bisogno di essere scomposti prima di essere immagazzinati o utilizzati dall’organismo. Quando si parla di integratori alimentari si parla di prodotti che hanno alla base degli ingredienti che mirano soprattutto a bloccare il lavoro enzimatico specifico per grassi e carboidrati. 

donna che mangia una pizza

Quali integratori bloccano carboidrati e grassi?

Ci sono alcuni integratori che mirano a prevenire l’aumento di peso dettato . Le principali sono:

·        Estratto di fagioli bianchi

·        Tè verde

·        Psillio

Fagiolo bianco

L’estratto di fagioli bianchi deriva della pianta Phaseolus vulgaris. È stato forse il primo inibitore di carboidrati realmente valido ad entrare nel mercato allo scopo di prevenire l’aumento dell’accumulo di grasso nel corpo. Funziona bloccando l’enzima α-amilasi, l’enzima che media la digestione dell’amido. Ci sono stati studi su questo integratore che mostrano la perdita di peso quando questo integratore è accompagnato ad una dieta ad alto contenuto di carboidrati1. Un esempio di integratore blocca carboidrati che contiene l’estratto di fagiolo bianco è Idealis, del quale puoi leggere la recensione completa qui.

Tè verde

Sempre sull’enzima α-amilasi lavora anche l’EGCG, un composto che più di tutti ha dimostrato di ridurre anche i livelli di zuccheri nel sangue e che determina un’azione estremamente forte di blocca carboidrati. Grazie all’EGCG i carboidrati non vengono scomposti e pertanto non vengono assorbiti: al contrario vengono direttamente eliminati come fossero sostanze di scarto e sarà come non averli mai mangiati2. Uno degli integratori migliori che presenta tra gli altri ingredienti un potente estratto di tè verde che mira a bloccare i carboidrati è senza dubbio Ideal Slim, di cui puoi leggere la recensione completa qui. Nel video qui di seguito, invece, vengono riassunti i principali benefici dimagranti e non solo del tè verde.

Psillio

Lo Psillio contiene al suo interno un mix altamente equilibrato di fibre solubili e insolubili. La fibra solubile si scioglie in acqua e tende ad ammorbidire le feci, mentre la fibra insolubile tende a legarsi agli acidi grassi, e quindi ai lipidi, e ad aiutare le feci a muoversi lungo l’intestino. Lo psillio aumenta i livelli di butirrato nelle feci ed ha dimostrato di ridurre la flatulenza. Questo è alquanto insolito, dato che la maggior parte delle fibre, al contrario, la aumentano. Lo psillio è spesso contenuto anche negli integratori sazianti, in quanto la capacità di rigonfiarsi nello stomaco, dare un rilevante senso di sazietà e di conseguenza limitare l’introito di calorie in eccesso3. L’integratore migliore in questo caso si chiama Fame Stop, un integratore davvero completo in quanto funge non solo da blocca carboidrati ma anche da bruciagrassi. Leggi la sua recensione qui.

Gli integratori che bloccano l’assorbimento di carboidrati e grassi funzionano?

In generale gli integratori che bloccano l’assimilazione di grasso e carboidrati funzionano ma è doveroso fare una precisazione: non possono avere un effetto dimagrante eliminando il grasso già esistente, ma possono solo prevenire l’aumento di grasso. Detto questo, si sono dimostrati naturalmente più efficaci nell’ambito di una dieta controllata e di una attività fisica (anche minima). Ma c’è da dire che anche nei casi in cui non si segue una dieta ipocalorica questi integratori si sono dimostrati comunque efficaci nel bloccare l’assorbimento di carboidrati e grassi in quanto il loro meccanismo di azione rimane comunque valido ed efficace, anche se ovviamente gli effetti sulla perdita di peso saranno più blandi. E’ comunque sempre consigliabile consultare il proprio medico e capire se questo genere di integratori possano causare interferenze con le eventuali terapie già in atto.

Bibliografia

  1. Onakpoya, I., Aldaas, S., Terry, R., & Ernst, E. (2011). The efficacy of Phaseolus vulgaris as a weight-loss supplement: A systematic review and meta-analysis of randomised clinical trials. British Journal of Nutrition, 106(2), 196-202. doi:10.1017/S0007114511001516
  2. Hursel, R., Viechtbauer, W. & Westerterp-Plantenga, M. The effects of green tea on weight loss and weight maintenance: a meta-analysis. Int J Obes 33, 956–961 (2009). https://doi.org/10.1038/ijo.2009.135
  3. Effects of psyllium on metabolic syndrome risk factors Sebely Pal,Simone Radavelli-Bagatini